Tu sei qui

Testa di Garitta Nuova

Punto di partenza

Borgata Rua
12020 Sampeyre CN
Italy

Punto di arrivo

Italy
Lunghezza 
15,00 km
Tempo di percorrenza 
6 ore
Quota massima 
2.385 m
Dislivello salita 
849 m
Dislivello discesa 
849 m
Esposizione 
Sud
Fruizione 
Racchette da neve
Provincia 
Cuneo
Regione 
Piemonte

Punto panoramico di estrema bellezza, testa di Garitta Nuova è una delle gite preferite dagli sci alpinisti ed escursionisti durante tutta la stagione invernale, fino alla tarda primavera. Questa cima visibile da tutta la pianura sottostante, fino a Torino, si conquista su di un tracciato inizialmente pianeggiante e semplice, salendo poi sulla cresta che separa la valle Varaita dalla valle Po.

Accesso stradale: dalla tangenziale di Torino, nei pressi dell'uscita Orbassano, si imbocca la superstrada per Pinerolo. Da Pinerolo si prende la statale per Saluzzo, seguendo per Verzuolo, dove si svolta a destra per la val Varaita. Da qui proseguire sempre in direzione Sampeyre. Giunti nelle vicinanze di Sampeyre e superata la deviazione per la borgata Rore, girare a destra seguendo le indicazioni per la frazione Becetto. Salendo per tornanti in pochi minuti si raggiunge la frazione. Attraversarla e salire ancora oltrepassando le borgate Valla e Civalleri per arrivare infine alla borgata Ruà, dove è possibile lasciare l'auto in un piccolo parcheggio o a bordo-strada appena oltrepassate le case. In caso di precipitazioni nevose abbondanti la strada potrebbe essere chiusa a Becetto, bisogna allora calcolare circa 150 m in più di dislivello.

Percorso: lasciata l'auto in borgata Ruà lasciata 1536 m si prosegue sulla larga e pianeggiante pista silvo- pastorale. Lungo il primo tratto si costeggiano alcune case private utilizzate durante l'estate dagli allevatori per portare il bestiame in alpeggio. Il tracciato continua sempre con una salita dolce fino al colle del Prete 1716 m, dove si trova una cappelletta in pietra con un altare. Il percorso continua seguendo la cresta verso nord-ovest. Si sale per circa un'ora e infine si giunge a Testa di Garitta Nuova, dove è collocato un grande ripetitore rettangolare per il segnale telefonico. Esiste un percorso alternativo più rapido che prevede la salita dai pendii seguendo una traccia che si può incontrare appena lasciata l'auto a Ruà, qui si segue la mulattiera che sale verso un bosco impiantato di abeti rossi e superandolo si piega a destra per raggiungere la cresta tra la valle Po e la valle Varaita e si segue la cresta fino alla cima. Questo percorso non è adatto in caso di nebbia per la difficoltà di ritrovare la traccia. Da questo magnifico punto panoramico la vista spazia dal Monviso alla valle Po, fino agli impianti di risalita di Pian Munè e Pian Croesio; fanno inoltre da sfondo la valle Varaita con il Pelvo d'Elva, il monte Birrone ed il Rastcias.

Informazioni utili

Indice itinerario 
No
Periodo consigliato 
Tutta la stagione invernale
Accesso con mezzi pubblici 
No