Il settecento

interni Palazzo Madama
Palazzo Madama - Torino

Nel XVIII secolo Vittorio Amedeo attua una profonda riorganizzazione amministrativa, la "perequazione dei tributi": un lungo processo di verifica delle immunità fiscali ecclesiastiche e nobiliari, dei titoli di proprietà e della qualità della terra. La formazione di una burocrazia e di un esercito efficiente, lo sviluppo dell´istruzione, attira nelle città sempre più gente dalle campagne; in particolare verso Torino, grazie all´espansione della corte sabauda. Sotto Carlo Emanuele III, il regno sabaudo, dopo una cruenta fase di riassetto dinastico del Sacro Romano Impero, è protagonista di una nuova fase espansionistica che ne amplia i confini fino al Lago Maggiore e al Ticino. Importante è la Battaglia dell’Assietta (17 luglio 1747) che merita di essere ricordata per la valorosa resistenza delle truppe piemontesi, che riescono a sconfiggere l´esercito francese. Nella seconda metà del secolo, le crisi economiche diventano più frequenti: nelle città e nella capitale sono le istituzioni assistenziali, soprattutto religiose, ad aiutare una popolazione che diventa sempre più povera. Perché l´ondata innovatrice dell´Illuminismo faccia breccia nell´edificio assolutistico sabaudo, bisogna aspettare l´arrivo delle armate francesi comandate da Napoleone nel 1796.

Data ultimo aggiornamento: 23/12/2009

Cerca un Comune