Forte di Fenestrelle

Tel. +39.0121.83.600 - Fax: +39.0121.88.4642
E-mail: fortefenestrelle@tin.it
www.fortedifenestrelle.com

Via del Forte, 1 - 10060 Fenestrelle (To)

Forte di Fenestrelle, Barbara Fondacaro @ “Pubblica la tua foto”
Forte di Fenestrelle, Barbara Fondacaro @ “Pubblica la tua foto”

Tra le fortificazioni che caratterizzano le Valli Chisone e Germagnasca spicca il forte di Fenestrelle, una delle più grandi e complesse fortezze d’Europa, completamente percorribile mediante una scala coperta di 4000 gradini, che si sviluppa lungo il crinale della montagna, su un dislivello di quasi 650 metri. Fatta costruire da Luigi XIV secondo i disegni dell’architetto Vauban a partire dal 1693, per impedire l’ingresso dei Protestanti nelle Valli, diventa uno dei più importanti punti strategici sul confine tra Francia e ducato sabaudo: nel 1692 serve come base per le truppe francesi comandate dal generale Catinat. L’alta Valle Chisone rimane dominio francese fino alla conclusione della guerra di successione spagnola, quando Vittorio Amedeo II di Savoia ottiene con il trattato di Utrecht (1713) il possesso di quest’area, e con essa il forte di Fenestrelle. Su committenza dello stesso Vittorio Amedeo II l’ingegnere militare Ignazio Bertola progetta una possente fortificazione che sostituisce la fortezza francese; i lavori di costruzione iniziano nel 1727, ma la realizzazione si protrae fino all’età carloalbertina. Si compie in tal modo in più di un secolo, ad opera dei maggiori architetti militari dello stato sabaudo, l’imponente struttura costituita da quattro forti (San Carlo, Tre Denti, Valli), tre ridotte (Carlo Alberto, Santa Barbara, Porte) e due batterie (Scoglio, Ospedale), collegati tra loro dalla scala coperta. Il forte, che non è mai stato coinvolto in fatti d’arme, dopo un lungo periodo di abbandono è stato parzialmente restaurato, grazie all’impegno dell’Associazione Progetto San Carlo - Forte di Fenestrelle, che dal 1990 ha lavorato al progetto di recupero.

Data ultimo aggiornamento: 15/04/2010