Tu sei qui

LA DIMORA CHE GUARDAVA I FIORI

Oggi pare proprio impossibile, ma il quartiere di Mirafiori a Torino nella metà del Cinquecento era un luogo idilliaco: boschi, prati, cannetti, fiori e alberi secolari si allungavano a perdita d’occhio.

Il nome Miraflores (guarda i fiori), Mirafiori, deriva dal forte legame della nuova residenza Sabauda, realizzata da Carlo Emanuele I di Savoia come dono alla moglie Caterina D’Asburgo, con i fiori e quindi con il parco e i giardini annessi.

Purtroppo nel 1599, dopo che due persone morirono di peste, il duca dovette abbandonare la bella dimora, ma l'estrema rovina avvenne nel 1706 durante l'assedio di Torino, quando palazzo venne incendiato a causa dei combattimenti. Nel 1869 nel corso di una piena, gran parte dei marmi precipitarono nel Sangone, deviato dal suo corso per la costruzione dei giardini e del palazzo.

Non passò molto tempo che il parco venne trasformato in piantagione e dove prima sorgeva la dimora, venne costruita una fabbrica di tabacco, che poi lasciò il posto alla Fiat.

 

Mirafiori
10100 torino TO
Italy