Il fantasma della dama bianca a Manta

Un castello che sia degno di questo nome dovrà essere “abitato” almeno da un fantasma. Quello della Dama Bianca si aggira insieme ad altri spettri tra le stanze di quello della Manta.

Secondo la leggenda, una giovane nobildonna trascurata dal vecchio marito, trascorreva il tempo accompagnandosi con alcuni giovani del paese. Ma la Dama stufatasi del concubino di turno era solita disfarsi dello “scomodo” ragazzo gettandolo nel “pozzo dei coltelli”. Ma come si sa le stanze dei castelli hanno occhi e orecchie indiscreti e la notizia dell’intrigo giunse al marito, che decise di punire la moglie libertina. La vendetta per il tradimento si consumò in un giorno di tarda primavera quando la donna, che era solita recarsi al fiume in carrozza, fu trascinata nelle acque gelide. Il marito aveva precedentemente ordinato che i cavalli addetti al traino, non venissero abbeverati per alcuni giorni. Così quando gli animali giunsero vicino al rio, si lanciarono imbizzarriti nel fiume. La donna che morì annegata ritorna nelle notti di pioggia ad abitare la sua vecchia dimora lasciando al suo passaggio un odore interso di gelsomino.

Via De Rege Thesauro 5
12030 Manta CN
Italy