Tu sei qui

Sacro Monte di Varallo

Oltre seicento statue a grandezza naturale e circa seimila altre figure raffiguranti uomini, donne, bambini. Una città della fede, una fortezza della chiesa cattolica e dei suoi principi costruita in piena Controriforma contro il dilagare del Protestantesimo. Così il francescano milanese Bernardino Caimi immagina Varallo dopo un lungo soggiorno a Gerusalemme, iniziando fra il 1486 e il 1493, la costruzione di una Terra Santa in miniatura dove i fedeli possono ripercorrere in preghiera i momenti della vita di Cristo dalla passione alla morte.
Il complesso monumentale del Sacro Monte di Varallo si articola oggi nella basilica dedicata alla Vergine Assunta e in 43 cappelle. Due sono i nuclei principali: il primo comprende le prime 19 cappelle dedicate ai fatti antecedenti alle vicende della Passione: dal peccato originale all’Annunciazione, dalla Natività alla fuga in Egitto e alla strage degli Innocenti, dalla resurrezione di Lazzaro all’ingresso di Gesù in Gerusalemme. Il secondo nucleo invece, più “urbanistico” nell’impianto, fa di Gerusalemme il teatro degli episodi della passione di Cristo: dall’Ultima cena alla cattura nell’orto degli ulivi, da Pilato alla flagellazione, dalla salita al Calvario alla Crocefissione e, infine, al Santo Sepolcro. Il momento di contatto fra questi due percorsi è la Porta Aurea, che rappresenta l’entrata di Gesù in Gerusalemme tra la folla festante.
Alla realizzazione di questo monumento alla fede consegnato al racconto di “attori” lignei o in terracotta a grandezza naturale, contribuiscono nel tempo molti artisti fra i quali si evidenziano Gaudenzio Ferrari e Tanzio da Varallo. La costruzione delle cappelle termina nel 1737 con la realizzazione della cappella dedicata a Sant’Anna nella piazza dei Tribunali.

Piazza della Basilica - Località Sacro Monte
13019 Varallo VC
Italy
Telefono 
+39 0163 53938

Informazioni visite

Accessibilità

Altri servizi: