Tu sei qui

MUSEO DEL TERRITORIO BIELLESE

Il Museo del Territorio Biellese è il museo della Città di Biella che raccoglie testimonianze dell’intero territorio da Viverone al Lago della Vecchia, dalla Bessa al Monte Rubello. La visita al museo, collocato entro il chiostro addossato alla basilica di San Sebastiano, permette di compiere un viaggio nel tempo che parte dalla preistoria sino al Novecento. Il Museo è stato inaugurato nel dicembre 2001 per raccogliere e conservare il patrimonio biellese e si è arricchito nel corso degli anni con l’allestimento di varie sezioni: nel maggio 2011 è stata inaugurata la sezione archeologica che si apre con i fossili marini del Biellese - quando era sommerso dal mare - prosegue con la Bessa, la necropoli romana di Cerrione e di Biella sino al Medioevo dolciniano. Un allestimento di grande impatto che, anche grazie al multimediale, crea suggestioni, emozioni e può essere apprezzato da chi voglia recuperare un forte legame con l’identità del territorio, la sua storia, la cultura e il gusto di una area alpina e di confine.A giugno 2016 il Museo rinnova ancora i propri spazi con l'esposizione delle collezioni storico-artistiche. Nel grande salone al primo piano, a partire dalle testimonianze pittoriche del XII secolo, è possibile seguire l'evoluzione della cultura figurativa e del gusto collezionistico locale: opere cinquecentesche provenienti dalle più illustri botteghe vercellesi, lasciano il posto a dipinti caravaggeschi e di scuola veneta settecentesca che testimoniano l'ambiente culturale entro cui lavorarono i fratelli Galliari.Le collezioni di Ottocento e Novecento permettono di presentare la pittura piemontese di paesaggio con notevoli dipinti di Antonio Fontanesi, Marco Calderini, Giovanni Giani e Giovanni Piumati e inserire in un contesto culturale artistico più ampio la produzione di Lorenzo Delleani.Capolavoro divisionista è l'opera di Emilio Longoni, che apre il percorso alla suggestione di un contesto biellese di inizio Novecento di eccellenza, da cui provengono opere di Carlo Carrà e dei maggiori esponenti delle Avanguardie storiche della prima metà del Novecento, come Renè Magritte, Paul Klee, Max Ernst, Marc Chagall, Joan Mirò e dei connazionali Giacomo Balla e Lucio Fontana.Infine, a completamento della Sezione archeologica, ha recentemente inaugurato la nuova sezione Viaggiare sull'acqua nel Biellese antico, con l'esposizione di un eccezionale reperto ligneo, una piroga monossile di età romana proveniente dal Lago di Bertignano che, insieme a nuovi reperti da insediamenti lacustri, affronta il tema degli scambi e commerci dalla preistoria al Medioevo.

Chiostro di San Sebastiano, Via Quintino Sella 54/b
13900 Biella BI
Italy
Telefono 
015 2529345

Orario

mercoledì e sabato: 15.00-18.30giovedì, venerdì e domenica: 10.00-12.30 / 15.00-18.30(salvo variazioni legate a mostre in corso)

Tariffe

Ingresso intero 

€ 5,00

Ingresso gratuito 

Sino a 25 anni, studenti universitari, militari,possessori Pyoucard, insegnanti di ogni ordine e grado, giornalisti, diversamente abili e ad un loro accompagnatoreOgni prima domenica del mese sia per l’ingresso al Museo sia per la visita alle mostre temporanee e nel giorno del proprio compleanno

Ingresso ridotto 

€ 3,00 (Soci Fai, Soci Touring Club, Dipendenti Città di Biella, Possessori Torino+Piemonte Card, Fruitori convenzioni appositamente stipulate con il Comune di Biella)

Informazioni visite

Visite gruppi
Visite gruppi prenotazione
Visite orari fissi orario 
Telefono per visite di gruppo  
015 2529345
Visite orari fissi telefono 

Accessibilità

Accessibile ai disabili
Note disabili 

Gratuito per disabile e accompagnatore.

Altri servizi:

Bookshop