Tu sei qui

FENESTRELLE, FORT MUTIN (resti) 1694-1700

La costruzione del forte, decisa per ottenere un sicuro sbarramento della valle, è probabilmente suggerita e diretta dall’ingegnere Guy de Creuzet de Richerand. L’opera, a pianta pentagonale, era difesa su quattro lati da un fossato, il quinto risultava naturalmente protetto da un pendio inaccessibile. Tre rivellini proteggevano altrettante cortine mentre un bonetto difendeva il baluardo più a monte, il bastione di Roudour. All’interno si trovavano gli edifici logistici disposti intorno ad una piazza d’armi centrale, quali il fabbricato del Governo, la cappella, gli alloggi per gli ufficiali e la truppa, polveriere e magazzini. 

Caduto in mani sabaude dopo l’assedio del 1708, e definitivamente annesso con tutta la valle dopo la pace di Utrecht, il Mutin continuò a rimanere in servizio, entrando a far parte del sistema difensivo creato con la costruzione del comprensorio fortificato di Fenestrelle, sul versante opposto della valle. 

Nel corso del XIX secolo la scarsa efficienza difensiva, il degrado delle strutture e la decisione di erigere a sbarramento della strada di fondovalle la Ridotta Carlo Alberto determinarono l’abbandono del Mutin, che fu parzialmente demolito con le mine.

Via della Balma
10060 Fenestrelle TO
Italy

Informazioni visite

Accessibilità

Altri servizi: