Tu sei qui

CASTELLO DI QUINTO VERCELLESE

Quinto è uno dei pochi paesi della pianura vercellese ad essere ancora dominato dalle superbe torri del castello medioevale. Nel 1427, dopo il definitivo passaggio della zona ai Savoia, il borgo di Quinto viene sottoposto alla giurisdizione di Vercelli e la famiglia Avogadro, approfittando del periodo di pace, provvede a ricostruire il fortilizio gravemente danneggiato. La fortezza che aveva quattro torri angolari e una torre quadrata, disponeva in prossimità del ponte levatoio, di una rocchetta. Della struttura originaria il fortilizio di Quinto, fra i più antichi del Vercellese, mantiene la cappella romanica di San Pietro, a una sola navata rettangolare che nel XV secolo, è arricchita da affreschi. L’attuale costruzione presenta pianta rettangolare e vi si accede da due porte carraie; quella più interna e merlata, era dotata di ponte levatoio. Una delle parti più antiche del castello è la torre quadrangolare che presenta una struttura muraria e una merlatura guelfa. Le torri angolari cilindriche, invece, ricostruite nel corso del XV secolo, sono soltanto tre e sono caratterizzate da caditoie dalle lunghe mensole e da una merlatura ghibellina. Il castello e la sua tenuta agricola, dopo l’estinzione della famiglia Avogadro, passano prima alla “Fondazione Conte Casimiro Avogadro di Quinto” e poi dal 1985 al Comune di Vercelli.

Via Castello 9
13030 Quinto Vercellese VC
Italy

Informazioni visite

Accessibilità

Altri servizi: