Castello dei Marchesi di Saluzzo

Il Castello dei Marchesi di Saluzzo sorge su uno sperone roccioso nella Valle Bronda.
La citazione di una fortificazione a Castellar si trova in un atto del 1138 col quale Enrico di Brondello dona il territorio ed il castello all’Abbazia di Staffarda. Trasformato in dimora signorile, più volte ristrutturato nel corso dei secoli, all’inizio del Novecento viene ricostruito dal conte Ludovico di Saluzzo basandosi su disegni medievali ritrovati a Parigi.
Attualmente si presenta come una solida struttura, circondata da un massiccio muraglione di cinta con torri cilindriche merlate alla ghibellina. Alcune torri sono collegate da un cammino di ronda. La struttura difesa da torri angolari, presenta due piani ed è sovrastata da un torrione posto sul luogo del vecchio mastio del primo nucleo fortificato.
Anche gli interni sono stati rimaneggiati: è di notevole interesse il salone di rappresentanza con un grande camino ed un soffitto a cassettoni decorato in oro con il motto della famiglia più volte ripetuto in caratteri gotici.
Un recente restauro e la destinazione a centro culturale ed espositivo ha restituito alla comunità un documento della storia del territorio.

Informazioni visite

Accessibilità

Altre informazioni