Abbazia di Santa Giustina

A Sezzadio, a pochi chilometri da Ovada, si trova uno dei monumenti medioevali più importanti del Piemonte: l’Abbazia di Santa Giustina, fondata nel 722 dal re longobardo Liutprando. Nel 1030 Ottoberto, del ramo aleramico dei marchesi di Sezzadio, la ristruttura completamente facendole affiancare un monastero benedettino. Il prestigio del complesso abbaziale cresce notevolmente, raggiungendo il massimo sviluppo delle attività spirituali e commerciali tra l’XI e il XII secolo, per poi cominciare una fase di declino. Assegnata agli abati di Sant’Ambrogio di Milano, è stata durante il periodo napoleonico oggetto dello stesso destino di altre grandi abbazie piemontesi, con i possedimenti assegnati ai veterani dell’esercito. Nel 1863 ciò che rimaneva del complesso è acquistato dalla famiglia Frascara che ne ha trasformata gran parte in villa, denominata “L’Abbadia”. Restaurata nel corso del XX secolo, rimane la chiesa a impianto romanico con elementi gotici, dotata di un’imponente facciata in cotto suddivisa in lesene e coronata da archetti pensili. L’interno, a tre navate, è coperto con volte a crociera del XV secolo. Gli affreschi dell’abside sono di un certo pregio e nella notevole cripta a tre navate (forse ascrivibile alla primissima fase della chiesa) è ancora perfettamente conservato il grande pavimento a mosaico risalente all’XI secolo (è attestata da un’iscrizione nel pavimento stesso la committenza di Ottoberto).

Via Badia 53
15079 Sezzadio AL
Italy

Informazioni visite

Accessibilità

Altre informazioni